Una nuova prospettiva sui trend di Techvision 2020

Quando Accenture ha pubblicato il report Technology Vision 2020, il COVID-19 non aveva ancora assunto le dimensioni di una pandemia. Ma ormai è chiaro che il mondo si trova di fronte alla più grande sfida degli ultimi decenni, una sfida che in pochi mesi ha profondamente trasformato la vita delle persone, ha influenzato ogni settore e ha modificato il percorso di crescita delle aziende. L'innovazione, però, invece di subire un rallentamento, sta accelerando a livelli senza precedenti.

Nella Technology Vision analizziamo come stiano cambiando i valori delle persone e come i modelli tecnologici dell'era digitale siano sempre meno in sintonia con quei valori. Questo disallineamento è ciò che Accenture chiama "tech-clash": si tratta di un problema che il COVID-19 non fa che aggravare. Ora più che mai è fondamentale che le aziende pensino sia a breve sia a lungo termine.

The I in experience

Le aziende che iniziano da oggi a costruire comunità virtuali personalizzate, interattive e condivise si garantiranno un successo duraturo.

AI and me

Investire in AI comprensibile e altri strumenti che abilitano vera collaborazione uomo-macchina permetterà alle aziende di reimmaginare la workforce.

Robots in the wild

Mentre i leader nella robotica si concentrano sui nuovi ruoli legati alla pandemia, le aziende più lungimiranti stanno costruendo un futuro più automatizzato.

Dilemma of smart things

Le aziende devono capire come introdurre nuove funzionalità senza alimentare dubbi sulla privacy. Se non ci riusciranno, vedranno solo benefici di breve durata.

Innovation DNA

I leader capaci di creare un DNA dell'innovazione agile e resiliente potranno soddisfare nuovi bisogni e costruire nuove capability più in fretta che mai.

Visualizza tutto

Come gestire l’oggi

Al momento, le vere dimensioni dell'impatto che il COVID-19 avrà sulla nostra vita, sull'economia globale e sulle imprese non sono ancora note. Certo è che questa crisi sta agendo come uno straordinario catalizzatore di cambiamento. C'è un bisogno di innovazione mai visto, sollecitato da sfide nuove e dirompenti come molti di noi non ne avevano mai viste. La domanda per le imprese è: con quanta rapidità riuscite ad agire? Alla luce di questa nuova realtà e del nuovo imperativo, abbiamo deciso di rivedere i trend della nostra Technology Vision 2020, cercando di capire che impatto avranno sulle persone e sul business del mondo post-COVID.

The I in experience

In The I in Experience, abbiamo esaminato l'evoluzione delle esperienze digitali: la personalizzazione a scatola chiusa, oggi molto comune, lascia nei clienti la sensazione di non essere informati e di non avere il controllo. Le aziende avranno invece bisogno di un nuovo modello di personalizzazione, uno che metta l’accento sul ruolo attivo dei consumatori. Ma c’è un caveat importante: il COVID-19 ha trasformato il ruolo e l'importanza delle esperienze digitali nella vita delle persone. Le aziende, se vogliono prosperare, avranno bisogno di strategie di engagement più agili, adesso e in futuro.

Nel breve termine, la società sta cambiando e per stare al passo le aziende devono aggiornare le proprie strategie di personalizzazione. Queste devono essere in grado di capire rapidamente come cambiano i desideri e le esigenze delle persone e di eliminare rapidamente le informazioni non più valide. Le imprese che danno alle persone la possibilità di indirizzare le proprie esperienze digitali saranno le prime a capire quali sono i loro nuovi desideri e bisogni.

Nel lungo termine, il purpose dell'esperienza digitale verrà trasformato. Oggi si assiste a un aumento vertiginoso della domanda di esperienze e comunità digitali veramente condivise, e le aziende leader si stanno mostrando all'altezza della situazione. In futuro, il bisogno di piattaforme ed esperienze digitali continuerà a crescere, perché nel mondo post-COVID sempre più aziende e consumatori cercheranno alternative agli incontri di persona. Le aziende che iniziano da oggi a costruire comunità virtuali personalizzate, interattive e condivise si garantiranno un successo duraturo.

AI and me

Il nostro trend AI and Me esamina il modo in cui le aziende leader stanno promuovendo la collaborazione uomo-macchina, mettendo a fattor comune le possibilità pressoché illimitate dell'AI e la capacità delle persone di indirizzare e perfezionare le idee. Prima della pandemia, questo era già in cima alla lista di priorità in molti settori. Oggi, l'AI dovrebbe avere una priorità ancora maggiore. I vantaggi dell'interazione tra persone e AI non sono mai stati così promettenti come oggi.

Nel breve termine, i casi d'uso sono chiari: c'è un disperato bisogno di una forza lavoro “aumentata” dalla tecnologia. La collaborazione uomo-macchina sta già facendo la sua parte nella corsa al vaccino per il COVID-19. Al di fuori del campo medico, inoltre, la pandemia sta introducendo nuovi vincoli e sfide che si possono superare con l’aiuto dei sistemi di intelligenza artificiale. L'intelligenza artificiale può aiutarci a escogitare nuove soluzioni e nuove idee per costruire un'organizzazione più flessibile.

Nel lungo termine, la crisi del COVID-19 ci farà vedere il meglio della collaborazione uomo-macchina, ed è probabile che questo servirà a mitigare i dubbi che le persone nutrono nei confronti della tecnologia. Uno studio globale di Accenture del 2019 sull'intelligenza artificiale ha scoperto che uno dei principali ostacoli all’adozione di questa tecnologia su larga scala è la sua mancata adozione da parte dei dipendenti. Ma la pandemia potrebbe farci superare questo ostacolo. Se le imprese investiranno in intelligenza artificiale comprensibile e in altri strumenti che supportano e abilitano una vera collaborazione uomo-macchina, le persone potranno vivere il lato migliore della tecnologia. Il successo di oggi potrebbe aprire nuove possibilità per le aziende di reimmaginare l'impresa e la forza lavoro del futuro.



Robots in the wild

Nessun altro trend ha subito una accelerazione pari a Robots in the Wild. Con la nuova normalità del distanziamento sociale, i robot stanno uscendo dai confini degli ambienti controllati e approdando in tutti i settori più velocemente di quanto ci saremmo aspettati. E con aziende e governi che cercano nuove soluzioni contactless, i robot diventano più importanti che mai.

Nel breve termine, i robot stanno assumendo nuove responsabilità per effetto della pandemia. Stanno affiancando chi combatte in prima linea nella lotta contro il virus. Stanno aiutando le aziende a fare di più, dimostrando allo stesso tempo nuove possibilità di utilizzo agli organi di controllo, ai lavoratori e al pubblico. La pandemia ci sta facendo vedere i robot nella loro luce migliore e il loro impatto non verrà dimenticato.

Nel lungo termine, l'intero ecosistema della robotica subirà un'accelerazione. La pandemia sta rafforzando la posizione della robotica e dell'automazione. Ma il crescente bisogno di automazione non darà una spinta solo a questo settore. Pensate a come le reti 4G sono cresciute di pari passo con la sempre maggiore diffusione degli smartphone. Tra robot, dispositivi IoT e 5G avverrà probabilmente lo stesso, perché molti casi di utilizzo dei robot avranno bisogno di una maggiore velocità di trasferimento dei dati e di una minore latenza. E mentre i dirigenti nel settore della robotica stanno assumendo i talenti necessari a coprire i nuovi ruoli legati alla pandemia, le aziende che hanno una visione veramente a lungo termine si stanno impegnando anche a costruire un futuro più basato sull’automazione.

The dilemma of smart things

In The Dilemma of Smart Things, esploriamo il modo in cui le aziende devono affrontare il beta burden, quel senso di frustrazione legato al continuo aggiornamento di prodotti che considerano di loro proprietà - e le conseguenze indesiderate che si verificano quando i prodotti intelligenti sono in continuo divenire. Il COVID-19 sta accrescendo il bisogno di prodotti intelligenti e aggiornabili, che hanno un grande potenziale sul piano della salute pubblica, ma il beta burden potrebbe complicare le cose.

Nel breve termine, i dispositivi intelligenti e aggiornabili stanno diventando strumenti per combattere il COVID-19. I dispositivi sanitari intelligenti possono aiutare a identificare i sintomi e monitorare i pazienti e sono vere miniere di dati sanitari che possono aiutare i ricercatori e i governi a salvare vite umane. Molti dispositivi robotici sono stati rapidamente aggiornati o riconvertiti per utilizzi legati al COVID-19, tra cui mantenere la distanza di sicurezza negli spazi pubblici, erogare l’igienizzante per le mani e altro ancora.

Nel lungo termine, però, la frustrazione tornerà a farsi sentire con forza e le aziende devono prepararsi a eventuali futuri contraccolpi. Le iniziative device-driven volte a combattere la pandemia hanno già scatenato discussioni sulla privacy, e molti temono che in futuro i propri dati possano essere utilizzati contro di loro. Le aziende devono pensare a come introdurre nuove funzionalità nei propri dispositivi senza alimentare queste discussioni. Quelle che non supporteranno pienamente tali cambiamenti e aggiornamenti vedranno solo benefici di breve durata.

Innovation DNA

Nel nostro trend Innovation DNA esploriamo tre diverse aree di innovazione: maturazione delle tecnologie digitali, progresso scientifico e nuove tecnologie DARQ (Distributed Ledger Tech, Artificial Intelligence, Extended Reality e Quantum Computing). A distinguere le imprese sarà il modo in cui esse fonderanno e combineranno le strategie apparentemente separate di tutte queste aree. Questo è ancora vero, ma il COVID-19 ha spostato gli equilibri, accelerando le tecnologie DARQ oltre ogni aspettativa. Oggi le tecnologie emergenti stanno guadagnando slancio e le tempistiche dell'innovazione si stanno velocizzando.

Nel breve termine, la pandemia sta sottoponendo gli ecosistemi a uno stress test sull'innovazione e sta portando le aziende a collaborare in modi nuovi, creando innovazione a livello dell’intero ecosistema. Le amministrazioni comunali stanno collaborando con gli alberghi per ospitare i senzatetto ed evitare che il sovraffollamento dei centri di accoglienza faciliti la diffusione del virus. La pandemia sta portando le aziende a considerare e mettere alla prova un gran numero di nuove partnership e possibilità. Le partnership, i prodotti e i servizi che vengono creati oggi hanno il potenziale per definire il business e la tecnologia degli anni a venire.

Nel lungo termine, le regole dell'innovazione non saranno mai più le stesse. Il mondo sta cambiando più velocemente di quanto ci si aspettasse e le aziende devono essere più flessibili che mai. Molti leader stanno mettendo insieme nuove strategie di innovazione e stanno formando nuove partnership in grado di aiutarle a trasformarsi in modo rapido e continuo durante questa crisi. Per riuscire a superare la crisi, abbiamo bisogno di innovazioni coraggiose e ne avremo bisogno anche quando tutto questo sarà passato.

I nostri trend oggi

Il COVID-19 ha reso i trend della nostra Technology Vision più importanti e urgenti di prima. Le opportunità che le aziende pensavano di poter cogliere tra qualche anno sono invece in rapido avvicinamento. Per far fronte a queste sfide, le organizzazioni dovranno innovarsi, inventare e ridefinire se stesse. Ora più che mai, le persone dipendono dalla tecnologia. Ed è più importante che mai che le aziende la implementino con rapidità e in modo responsabile. Viviamo un momento storico senza precedenti e andiamo verso un futuro di rapidi cambiamenti. I nostri trend possono aiutarvi a impostare il vostro percorso.

CENTRO ISCRIZIONI
Resta informato con la nostra Newsletter (in inglese) Resta informato con la nostra Newsletter (in inglese)