Mappare nuovi territori

Quando abbiamo previsto il profondo riallineamento dei fondamentali intorno alle nuove definizioni di valore quale meta-trend per il 2020, si avvertiva già l'impressione che il mondo fosse a una svolta. Questo prima che si diffondesse la consapevolezza del virus che ha sconvolto le nostre esperienze e la nostra vita.

La pandemia ha semplicemente accelerato il riallineamento che avevamo previsto, evidenziando il fatto che viviamo ancora con sistemi che sono a volte disfunzionali e spesso non equi - e pertanto inadatti alle sfide del XXI secolo. Ciò ha portato a una riflessione sul nostro ruolo nel mondo, sull'importanza delle comunità e la consapevolezza che le nostre azioni hanno un impatto su sistemi molto più grande di noi.

L'anno scorso siamo stati costretti a sperimentare nuove soluzioni, nuovi luoghi e nuove esperienze. Il nostro modo di vivere, di lavorare, di imparare, di acquistare, di trascorrere il tempo libero e di rapportarci con le cose è cambiato. Siamo stati spinti verso il remote working, modificando i presupposti su cui si fonda il rapporto fra datore di lavoro e dipendente.

Il futuro dischiude un’infinità di potenziali nuovi mondi. Alcuni incutono timore, altri sono entusiasmanti ma tutti sono in gran parte inesplorati.

Quanto più tempo passiamo a interagire con il mondo attraverso uno schermo, tanto più desideriamo uscire dal confinamento digitale. Di conseguenza, siamo diventati innovatori fai-da-te, che sviluppano strategie e accorgimenti per gestire circostanze strane e senza precedenti.

Un nuovo insieme di sfide è emerso per le aziende: come rispondere dal punto di vista operativo e di comunicazione, come venire incontro alle aspettative in costante evoluzione delle persone, come essere più empatici, pur continuando a lottare per la sopravvivenza in un'economia precaria. La loro resilienza e agilità è stata messa a dura prova e i vincitori saranno quelli che riusciranno a riconciliarci con la sensazione di essere confinati in un certo luogo.

Nell’attuale fase di transizione - dalla risposta alla crisi alla creazione di un nuovo modello operativo - abbiamo la possibilità di esaminare i cambiamenti che ci sono piombati addosso e le innovazioni che abbiamo visto emergere, e riflettere su come intendiamo procedere. La mappatura del nuovo territorio è il meta-trend per il 2021. Guardando al futuro, si dischiudono un’infinità di potenziali nuovi mondi. Alcuni incutono timore, altri sono entusiasmanti ma tutti sono in gran parte inesplorati.

Il 2021 vedrà la creazione di nuove mappe che potranno aiutarci a scoprire cosa ci aspetta e a pianificare un percorso verso il mondo in cui vogliamo vivere. Tutti stanno esplorando e questo ha creato uno spazio sicuro per la sperimentazione, per la creazione di prototipi e per l’apprendimento. Nel corso della Storia, dopo una crisi globale, si è sempre aperta un’era di pensiero nuovo. In questo momento abbiamo l'opportunità di decidere come sarà il rinascimento del XXI secolo.

Mark Curtis

Managing Director – Interactive, Head of Innovation and Thought Leadership


Martha Cotton

Managing Director – Interactive, Fjord Co-Lead, Global

Elementi essenziali

CENTRO ISCRIZIONI
Resta informato con la nostra Newsletter (in inglese) Resta informato con la nostra Newsletter (in inglese)