Concentrare le proprie analisi organizzative zero-based solo sull'identificazione dei risparmi all'interno di specifici dipartimenti, funzioni e processi ne limita l'impatto potenziale. Considerare questi ambiti in maniera isolata rischia di trascurare il valore nascosto della complessità; all'interno e tra i silos funzionali di un'organizzazione si verificano ridondanze, connessioni inaffidabili o mancata focalizzazione sull’obiettivo strategico comune. Va condotta un'analisi ulteriore finalizzata ad osservare l’intera catena del valore, ossia come l'azienda opera effettivamente e non come è organizzata teoricamente. Questo tipo di analisi può evidenziare un valore non sfruttato.

Analisi zero-based

L'osservazione della catena del valore fa parte di un approccio più ampio all'analisi zero-based che Accenture chiama "mentalità zero-based” o ZBx (acronimo di "zero-based everything"). Lo ZBx identifica i risparmi che possono finanziare investimenti in capacità e attività che favoriscono la crescita—sviluppando nuove offerte, acquisendo aziende, investendo in innovazione e tecnologia, assumendo importanti competenze, entrando in nuovi mercati — qualsiasi cosa che permetta a un'azienda di migliorare il suo fatturato. Infatti, la nostra ricerca ha rilevato che il 56% delle aziende sta collegando l'analisi zero-based agli obiettivi di crescita.1

Oltre l'organigramma

Molte aziende progettano erroneamente strategie di riduzione dei costi intorno alle loro funzioni e strutture organizzative. Gli organigrammi sono utili per delegare l'autorità e gestire la performance, ma non hanno lo scopo di indicare come un'azienda possa produrre risultati che creano valore, sia che si tratti di offrire un'esperienza superiore ai clienti, sviluppare nuovi prodotti o servizi interessanti o fornire tempestivamente e con precisione informazioni e linee guida finanziarie. Il raggiungimento di questi risultati richiede il coordinamento e l'armonizzazione di molteplici attività tra funzioni, reparti e processi diversi.

Il potenziale rischio dell'analisi in silos è il cosiddetto "falso positivo". L'analisi isolata della singola funzione o processo non rivela come (o se) quell'area contribuisca alla catena del valore complessiva. Si può avere l'impressione errata che un'attività o un tipo di lavoro sia prezioso e debba essere conservato. Al contrario, un modello analitico che lavora tra silos funzionali può determinare quali attività creano valore, e quali non contribuiscono al valore o addirittura lo diminuiscono.

Non lasciarsi scappare il valore? Osserva la tua catena del valore e utilizza il valore nascosto in essa per alimentare la crescita.

Osservare tutta la catena del valore

Secondo l'esperienza di Accenture, l'analisi delle attività lungo l'intera catena del valore tipicamente rivela il 15-30% di sprechi in più rispetto a quanto risulta dalle revisioni di singole funzioni o processi,2 risparmi che possono alimentare ulteriormente la crescita. Non solo, questa analisi potrebbe chiarire come diverse attività dovrebbero collaborare per produrre risultati di valore. Potrebbe inoltre individuare la necessità di investimenti aggiuntivi in alcuni ambiti e indicare dove gli investimenti possono essere reimpiegati per sostenere gli obiettivi di crescita una volta che le risorse non vengono più utilizzate in attività dispendiose.

Prendiamo, ad esempio, l'esperienza di un'azienda globale di prodotti di consumo. Accenture ha utilizzato principi zero-based nell'ambito di una più ampia trasformazione strategica del business per scoprire centinaia di milioni di dollari di spesa non produttiva, che l'azienda ha riassegnato per finanziare nuovi modelli di business e nuovi mercati. Inoltre, analizzando la catena del valore, Accenture ha scoperto che l'80% dei dipendenti non veniva coinvolto nella creazione di risultati di valore e che il 70% dei dipendenti svolgeva mansioni di livello base o "non esperto". L'azienda ha inoltre identificato specifiche attività con un elevato livello di re-work, di cui solo 10 responsabili del 40% di tutti i costi di rilavorazione.



I modelli analitici aiutano a sbloccare valore rivelando come un'azienda opera effettivamente tra silos e consentono di limitare i rischi. Consente inoltre a un'azienda di testare gli interventi di riduzione dei costi identificate nell’analisi zero-based, come nuovi processi di reingegnerizzazione, cambiamenti di ruolo o implementazione di nuove tecnologie, per verificarne gli impatti sul business. Possono sostenere attività in aree critiche, come il cambiamento della cultura aziendale, che, secondo due terzi delle aziende intervistate, rappresentano un ostacolo significativo nel percorso ZBx.3

Un'analisi di tutta la catena del valore evidenzia anche potenziali effetti negativi di questi cambiamenti sulla centralità del cliente e sull'agilità aziendale. Queste caratteristiche sono fondamentali per garantire che gli sforzi di riduzione dei costi non siano focalizzati solo sull'ottimizzazione dei margini, e che non impediscano all'azienda di rilevare i cambiamenti della domanda e di adattare rapidamente prodotti e servizi di conseguenza.

Sommando il tutto

Un'analisi ZBx identifica potenziali sinergie tra funzioni e processi che potrebbero essere rafforzate per creare più valore. Individua inoltre gli ambiti in cui la mancanza di sinergia depriva l'azienda di valore. Se l'"equazione del valore" della tua azienda è simile a 1 + 1 + 1 = 2, allora hai dei problemi da affrontare. Idealmente 1 + 1 + 1 deve essere almeno pari 3, o superarlo, poiché la potenza delle funzioni integrate diventa sempre più forte.

1 Ricerca Accenture Strategy, “Beyond the ZBB buzz,” 2018.

2 Analisi Accenture Strategy, 2019.

3 Ricerca Accenture Strategy “Beyond the ZBB buzz,” 2018.

April Wirtz

Managing Director – Accenture Strategy


Sid Behari

Senior Manager – Accenture Strategy

SCOPRI DI PIÙ


CENTRO ISCRIZIONI
Resta informato con la nostra Newsletter (in inglese) Resta informato con la nostra Newsletter (in inglese)