Skip to main content Skip to Footer

PERSPECTIVE


Robo Advisory: Sfida od opportunità per la consulenza “tradizionale”?



Silvia Agnelli

Managing Director – Distribution & Marketing,
Wealth Management Lead

Connetti con Silvia Agnelli's Profile on LinkedIn. Questo link apre una nuova finestra.

Il mercato della consulenza finanziaria è in forte turbolenza e, con l’avvento delle fintech, la trasformazione dei modelli commerciali è inevitabile. Tra le principali novità nel settore spicca senza dubbio il Robo Advisor, nato negli USA e ad oggi diffuso anche in Europa, un servizio di consulenza finanziaria online, a basso costo, con un modello B2C e/o B2B innovativo ed una customer experience semplice ed efficace. Uno dei vantaggi della sua adozione riguarda la possibilità di raggiungere quel segmento di clientela che non si sarebbe rivolta ad un Advisor tradizionale, cogliendo così un white space di mercato.

I consulenti dovrebbero guardare al Robo come un alleato e non come una minaccia. Un Robo Advisor infatti si affianca al consulente nelle sue attività ordinarie, ad esempio nella fase di acquisizione del cliente, per il ribilanciamento del portafoglio e nell’individuazione di opportunità di business. In questo modo il consulente potrà concentrarsi su attività a maggior valore aggiunto, coltivando la relazione con il cliente. Il Robo Advisor dunque costituisce un’opportunità per le Banche, e rappresenta la risposta alle richieste di forte personalizzazione e rapidità di servizio della clientela sempre più esigente, in un contesto di contrazione dei margini e di forte competizione di mercato.

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO [PDF] - TRATTO DAL NUMERO DI NOVEMBRE 2016 DEL NEWSMAGAZINE ADVISOR.