Skip to main content Skip to Footer

Avere successo con i Big Data

Un sondaggio di Accenture analytics rivela che le aziende che già utilizzano i Big Data sono soddisfatte dei propri risultati di business.

INTRODUZIONE

Le aziende che già utilizzano i Big Data sono enormemente soddisfatte dei propri risultati di business, e affrontano sfide per mantenersi competitive e diventare imprese digitali.

Il sondaggio Big Success with Big Data di Accenture Analytics dimostra che i Big Data stanno decollando. La maggior parte di coloro che hanno portato a termine progetti basati sui Big Data dichiarano non solo grande soddisfazione per i risultati, ma anche che i Big Data soddisfano le loro esigenze. Secondo il nostro sondaggio, il 92 percento degli intervistati è soddisfatto dei risultati di business ottenuti grazie ai Big Data e quasi tutti (94 percento) riferiscono che l'applicazione che ne fanno soddisfa le loro esigenze.

Per la maggior parte (89 percento), i Big Data sono molto importanti per la transizione dell'organizzazione verso il digitale. I Big Data vengono sfruttati dalle aziende in varie attività, quali l'identificazione di nuove fonti di reddito (54 percento) e lo sviluppo di nuovi prodotti o servizi (50 percento). Tuttavia, per i più, l'implementazione dei Big Data è connessa a sfide impegnative in termini di sicurezza (51 percento), budget (47 percento), talento (41 percento) e integrazione tecnologica (35 percento).

Scarica il report Big Success with Big Data per scoprire come le aziende utilizzano i Big Data come catalizzatore per la trasformazione digitale.

Per maggiori informazioni sui risultati del sondaggio in Italia, leggi il comunicato stampa.

Key Findings

Si è detto molto sul potenziale dei Big Data. Il sondaggio Big Success with Big Data condotto da Accenture Analytics analizza a fondo questo tema, focalizzandosi su quelle aziende che hanno realizzato uno o più progetti incentrati sui Big Data. Abbiamo studiato come le aziende utilizzano oggi i Big Data, le sfide che affrontano e quali sono le prospettive future per i Big Data Analytics.

Per questo studio, Accenture Analytics ha intervistato nell'aprile 2014 più di 1.000 utenti esperti di Big Data appartenenti a 19 paesi e sette settori di mercato, in particolare quello bancario, delle comunicazioni, dei beni di largo consumo, energetico, dei servizi sanitari, assicurativo, e della grande distribuzione. Si tratta di aziende con sede centrale in Australia, Brasile, Canada, Cina, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, India, Italia, Malesia, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Singapore, Spagna, Stati Uniti e Svezia. Gli intervistati appartenevano ad aziende con un fatturato annuo compreso fra 250 milioni e più di 10 miliardi di dollari. L'organizzazione di ciascun intervistato aveva già portato a termine almeno una implementazione di Big Data.

Analisi

Il sondaggio Big Success with Big Data condotto da Accenture Analytics mette in luce molte informazioni importanti, in particolare:

C'è molto da imparare quando si avviano iniziative imperniate sull'impiego dei Big Data. Gli utenti si aspettano che il progetto non presenterà grandi difficoltà, per scoprire poi che c'è molto da imparare in termini di matrici di dati e tecniche analitiche. Le implementazioni di Big Data impegnative — ma non impossibili — costringono gli utenti a rimanere flessibili e quindi capaci di adattarsi e di imparare man mano che crescono.

Le aziende più grandi ottengono risultati migliori dai Big Data. Quanto più grande è l'organizzazione, tanto migliori sono i risultati. Le grandi aziende hanno una concezione più ampia di ciò che può andare sotto il nome di Big Data, e utilizzano un numero maggiore di tipi e fonti di dati per una gamma più vasta di obiettivi e un ventaglio più esteso di funzioni. Le organizzazioni di maggiori dimensioni cominciano con iniziative focalizzate in ambiti concreti, quali relazioni con la clientela, sviluppo prodotti e attività operative, anziché cercare di fare tutto contemporaneamente.

Acquisire talenti nel campo degli analytics non è facile. Competenze e talenti sono un problema per molti e continuano a scarseggiare. Gli utenti di maggior successo si procurano talenti ovunque riescano a trovarli, affidandosi pesantemente a risorse esterne ed esperte, quali consulenti, dipendenti a contratto e risorse di vendor di tecnologia. Le organizzazioni stanno anche cercando soluzioni per assumere e sviluppare talenti al proprio interno.

I Big Data hanno un potenziale di trasformazione. Le aziende che utilizzano i Big Data sono convinte che essi rivoluzioneranno l'operatività dell'azienda esattamente come fece Internet (89 percento) e ritengono che siano molto o estremamente importanti per la trasformazione digitale della propria azienda (89 percento). Alla domanda su quale sia l'ambito in cui prevedono che i Big Data avranno l'impatto maggiore in azienda nei prossimi cinque anni, i dirigenti intervistati hanno indicato relazioni con la clientela (63 percento), sviluppo prodotti (58 percento) e attività operative (56 percento). L'opinione diffusa è chiara: i Big Data portano con sé una trasformazione dirompente, anche se le aziende non sempre concordano su cosa sia compreso nei “Big Data”.

Indicazioni

I Big Data sono tuttora terreno fertile per la trasformazione del business. Per coloro che stanno avventurandosi ora in questo territorio, è consigliabile esplorare innanzitutto l'intero ecosistema dei Big Data, esaminando nuove fonti di dati e nuove tecnologie. Iniziare in piccolo in un'area di business con un progetto pilota, dimostrare rapidamente valore e ROI, raccogliere consenso all'interno dell'azienda e quindi sviluppare organicamente iniziative incentrate sui Big Data.

Man mano che si cresce, è importante essere agili e capaci di adattarsi e imparare restando al passo con l'evoluzione di nuove tecnologie, e nuove opportunità. Una componente importante della crescita è il reperimento dei talenti giusti. Occorrerà quindi focalizzarsi sull'acquisizione di competenze analitiche assumendo risorse esterne, acquisendo personale quando possibile e sviluppando capacità interne attraverso la formazione e lo sviluppo professionale.